PICCOLI APOSTOLI DIVINA MISERICORDIA, AMORE EUCARISTICO CON MARIA. 1° CONVEGNO NAZIONALE A MEDJUGORIE
2011-05-08

In concomitanza con l’inaugurazione della Casa di Accoglienza “Famiglia gioiosa” dei “Piccoli Apostoli della Divina Misericordia, Amore Eucaristico con Maria”, si è svolto a Medjugorie, dal 30 aprile al 1° maggio 2011, il 1° Convegno dell’associazione Onlus fondata il 11 giugno 2010. Vi hanno partecipato almeno mille pellegrini, provenienti da ogni parte d’Italia. L’incontro è stato introdotto dal presidente dell’associazione, Don Tiziano Soldavini, che ha illustrato la spiritualità dei PADMAECM e si è sviluppato tra significative testimonianze e ampi spazi musicali riservati alla cantante lirica Marina Murari - una voce davvero celestiale che ha fatto vibrare il cuore dei presenti - e a Roberto Bignoli, il cantautore inquieto e trasgressivo, lontano anni luce dalla fede, che la Regina della Pace, proprio a Medjugorie, ha chiamato alla conversione più di vent’anni fa, per farne il menestrello delle Sue parole di amore e di speranza. La prima ad intervenire, per raccontare la sua straordinaria storia di guarigione, è stata Anna Angelici di Porchia (Ap), moglie e mamma, affermata dirigente d’azienda che scopre, quando ormai è già troppo tardi, di avere un cancro al seno, con metastasi talmente diffuse da non lasciare speranza. Non servono a nulla i ripetuti interventi chirurgici e i cicli di chemioterapie. Anna ha solo un mese di vita quando una sua dipendente le suggerisce di andare a Medjugorie, nonostante le perplessità e il rifiuto del marito. Evidentemente ha un segreto appuntamento col Mistero: infatti, dopo giorni di preghiere e sofferenze, proprio quando le forze le stanno per mancare, durante una celebrazione eucaristica presieduta da Padre … nel momento della riposizione della pisside nel Tabernacolo, Anna vede prima una fiamma accesa e poi il volto di Gesù, dapprima in negativo e poi sempre più chiaro, che le si fa vicino e le sussurra per tre volte “Ecco, io sono l’amico che cercavi, chiedi e ti sarà dato”. Anna proprio non ce la fa a chiedere, ma Cristo la guarisce e da quel momento lei lascia il suo lavoro, per dedicarsi al Signore. La sua famiglia diventa una famiglia aperta e Anna, cofondatrice dei PADMAECM, continua a portare a Medjugorie migliaia di pellegrini ogni anno. Anche Rudy Luchetta e Lina Tagiapietra, insieme ai piccoli Ilaria, Samuele e Benedetta sono diventata una meravigliosa famiglia aperta all’accoglienza, interamente donata al Signore. Rudy, come ha raccontato nella sua bellissima testimonianza, era tossicodipendente, una vita perduta, ai margini della società, tra droghe e comportamenti illegali. Stava perdendo anche Lina, l’ultima sua speranza di salvezza, quando capita per caso alla Comunità Cenacolo di Suor Elvira, compie nella preghiera e nella penitenza il suo cammino di guarigione e poi viene inviato in Brasile per gestire una Casa per bambini abbandonati. Lì capisce che la sua vocazione è quella della famiglia. Sposa Lina, nascono i suoi splendidi ragazzi, incontra i PADMAECM e si dona completamente a Cristo, vendendo ogni suo bene e mettendosi al servizio dei deboli e degli emarginati, oggi a Medjugorie, nella Casa della “Famiglia gioiosa”, domani dove il Signore vorrà. Anche quella di Giovanni Fortino, ispettore di Polizia (calabria) , è una storia di conversione a Medjugorie e anche la sua vocazione, come ha raccontato nella sua testimonianza è quella della famiglia aperta. Infine, l’intervento di Beniamino Donnici di Castrolibero (CS), psichiatra, psicoterapeuta, ufficiale medico dell’esercito, un rapporto con la politica sempre conflittuale e precario, ma ad alti livelli (è stato consigliere regionale in Calabria e per un breve periodo parlamentare europeo), prima della visita occasionale a Medjugorie che cambierà la sua vita. “Come il cieco di Gerico, Gesù, per intercessione di Maria, proprio qui mi ha dato la vista”. E dopo qualche tempo, rispondendo a una misteriosa chiamata, Beniamino comincerà a organizzare cenacoli di preghiera e scriverà il libro “Fatti che interrogano il cuore”, dedicato all’Immacolata e a Natuzza Evolo, la grande mistica calabrese salita al cielo il giorno di Ognissanti del 2009. Il convegno è stato chiuso con la celebrazione eucaristica presieduta da don Tiziano Soldavini, nel giorno della Festa liturgica del Beato Giovanni Paolo II, che è stato invocato quale protettore dei PADMAECM. Don tiziano Soldavini dontizianosoldavini@gmail.com


web design site
scrivi al direttore: direttore@veronacomunica.it