Mission

Europa Vicina, rivista poliglotta d’informazione e cultura, è nata nel settembre del 1997 per volontà dell’AISLi (Associazione Italiana Scuole di lingue), con l’obiettivo di essere un periodico al servizio di un vasto pubblico d’interessati alle lingue straniere e allo sviluppo dell’amicizia e dei rapporti fra popoli, in particolare di quelli che fanno parte dell’Unione europea. Il titolo sottolineava il voler considerare l’Europa vicina e unita da forti legami, non solo di vicinanza geografica ma soprattutto d’ideali e d’intenti.

Un’Europa intesa non solo come sicurezza monetaria, ma soprattutto come motore di diffusione della cultura e garanzia d’occupazione, fattori questi che costituiscono i pilastri per conservare e far prosperare quella democrazia di cui l’Europa è stata culla e costruttrice, dalla Magna Carta Libertatum del 1215, alla Dichiarazione dei diritti dell’uomo e del cittadino del 1789, fino alla Costituzione europea sottoscritta dai capi di stato e di governo di 25 paesi nel 2004. Una storia giuridica che ha tracciato, nonostante momenti oscuri, la base del vivere civile per l’intera umanità.

L’attenzione della rivista è stata principalmente puntata sulle lingue, la cui conoscenza riveste grande importanza come fatto individuale perché apre la mente a livello cognitivo e agevola specifici processi formativi; come fatto culturale perché semplifica la comunicazione tra i popoli, la diffusione della cultura, l’accesso alle opere originali, la facilitazione della ricerca, la circolazione delle idee; come fatto economico perché favorisce il turismo, gli scambi commerciali e l’occupazione.

Europa Vicina, dopo essere stata per 8 numeri edita dall’AISLi, ha scelto una forma editoriale autonoma ed agile per essere di ampio respiro e risultare, pur in rigida economia, alternativa e competitiva con riviste di grande diffusione, ma vincolate a burocrazie redazionali. La rivista è ora anche aperta a pubblicare allegati, inserti e numeri speciali su particolari argomenti e avvenimenti legati all’apprendimento e all’insegnamento delle lingue.